Un’analisi utile per vendere online in tutto il mondo: il caso di Illy

Autore: Alessandra Raccagni, 3 gennaio 2019 15.15.00 CET
Alessandra Raccagni

 

Nel nostro continuo aggiornarci e curiosando qua e là, ci siamo imbattuti nell’ecommerce di Illy, brand noto ed ambasciatore del caffè italiano nel mondo. A proposito, lo sapevi che ha aperto ben 28 Università del caffè in oltre 25 paesi per promuovere la cultura del caffè di qualità all’estero?

Proprio la sua dimensione internazionale, qualche mese fa ha indirizzato l’azienda verso un nuovo shop online che si rivolge ad appassionati dell’espresso in tutto il mondo, dall’Europa all’America all’Asia. 

Vuoi sapere come vendere online all’estero?  Contattaci e costruiremo per te un progetto di digital export su misura!

Illy ha scelto di potenziare i canali di vendita tradizionali con il web, inserendo il proprio ecommerce (aperto oramai 10 anni fa… quando si dice la lungimiranza!) in una strategia di sviluppo internazionale digitale e, naturalmente, omnichannel. Se vuoi, puoi dare un’occhiata allo shop qui: https://www.illy.com/it-it/shop/. E ora, vediamo nel dettaglio le sue carte vincenti!

1. L’utente protagonista, sempre

Da qualunque parte del mondo si colleghi, il cliente Illy ha a disposizione una piattaforma ecommerce pensata per le sue esigenze e in cui vivere esperienze personalizzate. La navigazione è intuitiva, le sezioni ben organizzate e i percorsi di acquisto si risolvono in pochi passaggi. Aggiungiamo un design pulito che valorizza il prodotto ed otteniamo una user experience da 10 e lode. Insomma, non si può non comprare!

Anche perché il pulsante d’acquisto è ben evidente e sempre presente; mentre, nei casi in cui il prodotto non sia momentaneamente disponibile, è sostituito da quello “Avvisami” per non far raffreddare l’interesse dell’utente, e garantirgli una notifica immediata quando il prodotto tornerà sullo scaffale virtuale!

Inoltre, l’area riservata di ogni utente raccoglie tutti i suoi dati, con dettagli e storico degli acquisti, oltre ad una wishlist da condividere con amici o parenti per suggerire qualche gustosa idea regalo! Inutile dire che questo patrimonio di informazioni raccolte è una fonte inesauribile di spunti per interagire con il cliente: dalle promozioni ad hoc a percorsi mirati di marketing automation che possono tenerlo “caldo” tra un acquisto e l’altro e creare un volano di consumi (e di acquisti, quindi) da far girare la testa. Le disponibilità dei prodotti, le proposte correlate ai consumi e agli interessi degli utenti… i marketer della Illy non hanno di che annoiarsi, insomma!

dashboard utente

2. Per chi non deve… chiedere mai

Pensata forse per i più pigri, ma anche per chi non ama troppo effettuare acquisti online, c’è la proposta degli abbonamenti. Gli illylovers, community internazionale online (ma non solo), possono sottoscrivere un abbonamento per la fornitura di uno specifico prodotto, scegliendo formato della confezione e frequenza di consegna. Non ti capiterà quindi più di rimanere all’improvviso senza la tua dose di caffeina o senza un buon caffè di fine pasto per gli ospiti. Il tutto reso ancora più appetibile da ghiotte promozioni, compresa la possibilità di ricevere anche la macchina del caffè.

 

illylovers abbonamento

3. Come riempire –con stile- il mondo del cliente

Non solo fornitura di caffè (in polvere, in cialde, in grani, in capsule…) ma anche tazzine, stoviglie in limited edition a firma di designer ed artisti internazionali, lattiere, mug, bicchieri, cucchiaini certo… E ancora, kit completi, macinini, pezzi di ricambio (guarnizioni, manicotti e serbatoi) e altri oggetti capaci di far perdere la testa ai collezionisti. La domanda giusta da farsi è infatti: cosa può servire al mio cliente per rendere unica l’esperienza con il prodotto che sta acquistando?

Fantasia, un po’ di estro e, naturalmente, anche una buona dose di senso pratico ti aiuteranno a capire in che direzione sviluppare l’offerta. Largo quindi anche a ricette, consigli per valorizzare il prodotto, approfondimenti storici e, perché no, informazioni sugli aspetti nutrizionali.

accessori mondo caffè

E per dare un valore aggiunto alla pausa caffè, Illy propone anche una serie di prodotti gourmet pensati per sposarsi perfettamente con il suo caffè, sempre all’insegna della qualità.

E tu? Hai una selezione di prodotti creata appositamente per i tuoi clienti che sia lo spunto per dare seguito alla catena d’acquisto, fidelizzandoli e incrementando le tue vendite? No? Allora punta su servizio e assistenza, per non far sentire mai solo il cliente.

selezione premium

 

4. Il tuo prodotto… proprio come l’ha pensato lui

Permettere all’utente di scegliere il tuo prodotto esattamente come vuole, facendolo in qualche modo un po’ proprio, è un modo per rendere ancora più forte il legame tra marca e consumatore. Illy ha pensato a questo non solo con le classiche confezioni regalo, ma anche con le stoviglie che sono in vendita nello store, per le quali è possibile comporre il proprio servizio abbinando a piacere tazzine e piattini.

5. Sì, ma quanto mi costa?

Non mancano nello shop Illy promozioni e offerte: da quelle classiche che riguardano le spese di spedizione (free a determinate condizioni) alle campagne che coinvolgono, ciclicamente, differenti tipologie di prodotto. Inoltre, la scelta di tenere carrello e totale della spesa sempre in primo piano è una tecnica che può rivelarsi efficace per ridurre il rischio di mancata conversione al momento del checkout.

carrello-in-evidenza

6. Arrivare dappertutto, senza fare nemmeno un passo falso

Senza dubbio, avere un portale ecommerce per acquisti da qualsiasi parte del mondo richiede un’attenta valutazione di numerosi aspetti, non solo quelli tecnologici come l’infrastruttura a cui ci si appoggia (qui la scelta di Illy è ricaduta su Salesforce Commerce Cloud) o il CRM; ma anche e soprattutto quelli legati alla logistica (delivery) e agli aspetti fiscali ed amministrativi (valuta, tassazioni differenti, ecc.), fino alla gestione di tutto il customer journey (pensa, ad esempio, ad un servizio post vendita nelle varie lingue).

Come puoi ben capire, si tratta di un processo piuttosto dispendioso; per questo, il nostro consiglio è quello di individuare un mercato/Paese su cui puntare, e iniziare da quello il tuo lavoro sull’estero. 

Fonte: digital4biz 

New call-to-action 

Topics: ecommerce, marketing automation, food, social media, retail, omnichannel