Ecommerce Food, guida alle campagne pubblicitarie su Google

Autore: Mario Bisso, 12 dicembre 2018 17.23.00 CET
Mario Bisso

Se hai appena lanciato un ecommerce nel food, sarai sicuramente alla ricerca di un modo per dare un boost veloce alle tue vendite online. Per molte persone la scelta più ovvia è quella di fare delle campagne pubblicitarie su Google, ed è quello che stanno facendo molti web marketer al momento per migliorare il loro conversion rate. Se ti stai chiedendo come utilizzare al meglio le campagne pubblicitarie su Google per il tuo ecommerce nel food ma non sai dove iniziare - sei nel posto giusto!

Scarica il nostro whitepaper  “Dalla piattaforma all’after sales:  le cose da sapere per un ecommerce che funziona”

Creare una campagna Google Ads profittevole e che generi vendite può sembrare un’impresa, ma in realtà tutto ciò di cui hai bisogno è un po’ di pianificazione e strategia. Cominciamo!

Step 1: Prepara le tue campagne Google Ads

Prima di creare le tue campagne è necessario identificare che risultato vuoi raggiungere. Questo include definire i tuoi obiettivi e preparare tutto il necessario per partire, come ad esempio i tracciamenti, le landing page, il budget e molto altro. Vediamoli più in dettaglio.

a. Installa il Global Site Tag

È fondamentale non solo per tracciare le tue vendite, ma perché ti aiuta ad aumentarle: se non sai quali parole chiave o quali annunci performano meglio, non sarai mai in grado di scalare la tua campagna fino a farla diventare una macchina da soldi.

b. Scegli la CTA (call to action) più adeguata

Il tuo primo passo dovrebbe essere quello di stabilire i tuoi obiettivi, dall’iscrizione alla tua newsletter alla vendita di un prodotto: sulla base di questi, definisci delle call to action chiare e mirate all’obiettivo. Ne hai più di uno? Allora declina ciascuno in una specifica campagna o gruppo di annunci.

c. Decidi un budget

Avere una somma concreta in mente da dedicare alle tue campagne, ancor prima di creare l’account Google Ads, è cruciale. Senza questo step vedrai i tuoi soldi sparire in un buco nero.

d. Crea o identifica le tue landing page

Se il tuo obiettivo è far atterrare gli utenti su una specifica promozione per i nuovi clienti, crea una pagina dedicata. Farlo significa evitare di avere utenti confusi dentro il tuo ecommerce, alla ricerca di ciò che il tuo annuncio prometteva.
Le landing page sono comunque utili per indirizzare il tuo cliente verso specifiche sezioni all’interno del tuo ecommerce, evitando che si distraggano rispetto al motivo per il quale sono arrivati.

Guarda questo esempio di Almaverde Bio se la tua ricerca è farina di farro biologica:

esempio-almaverde

L’annuncio è specifico e la landing page è la sezione dell’ecommerce dedicata alle farine biologiche

Step 2: Fai delle ricerche sui tuoi competitor

Una volta stabiliti i tuoi obiettivi e verso quali pagine dirottare il traffico, c’è bisogno di stabilire chi targetizzare e come essere impattante con un messaggio forte. Ecco come fare:

aFai una ricerca keyword
Utilizza gli strumenti integrati in Google Ads (Strumento di pianificazione delle parole chiave) oppure dei tool esterni (SeoZoom o SemRush, giusto per fare due esempi), con lo scopo di:
  • indirizzare gli utenti al corretto stage del processo di vendita
  • essere più specifico verso i tuoi prodotti
  • raggruppare le keyword in piccoli gruppi altamente tematizzati.

Ecco un esempio di due gruppi di annunci:

Gruppo di annunci 1: Aceto di mele biologico
Landing Page: https://shop.almaverdebio.it/prodotti/olio-e-aceto/aceto-di-mele-500ml
Keyword: aceto di mele, aceto di mele bio, aceto biologico

Gruppo di annunci 2: Succhi di frutta biologici
Landing Page: https://shop.almaverdebio.it/frutta-da-bere
Keyword: succhi di frutta, succhi biologici, succhi di frutta bio

bScegli un messaggio accattivante

Il copy è tutto. Non aspettare di arrivare al punto di fissare nel vuoto il tuo schermo senza sapere cosa scrivere nei tuoi annunci.

Non c’è bisogno di avere nulla di preparato in anticipo, ma è necessario appuntarsi qualche messaggio chiave che pensi possa attirare i tuoi clienti prima di cominciare. Ad esempio, cosa puoi dire a proposito dei tuoi prodotti che ti differenzi dalla concorrenza? Quale vantaggio competitivo puoi evidenziare per risaltare in mezzo a tanti? Qual è la tua value proposition?

Guarda questo esempio:

esempio-almaverde-2 

Step 3: Scegli le campagne giuste

Adesso è il momento di creare le tue campagne, ma quali sono le più adatte? Dipende!
Non c’è una risposta giusta ed esaustiva a questa domanda. I fattori da tenere in considerazione sono tanti e dipendono da variabili come il numero delle referenze del tuo ecommerce food, il budget che hai deciso di allocare o il marketing mix online che hai deciso di sposare per la tua strategia. Vediamo quelle che non possono mancare:

a. Campagne Shopping

Le campagne shopping sono normalmente attivate quando Google pensa che il tuo intento di ricerca sia quello di acquistare un prodotto. 

esempio-almaverde-3

Spesso le campagne shopping non sono utilizzate dagli ecommerce, perché il setup può risultare macchinoso a prima vista. Tuttavia, far partire una campagna shopping è più semplice di quello che si possa credere.

Prima di tutto è necessario creare un account Google Merchant:

esempio-almaverde-4

Qui potrai caricare il tuo Feed di prodotti, ovvero il file che consente a Google di sapere:

  • quanti e quali prodotti vendi
  • a che prezzo
  • con che immagine mostrarli
  • qual è l’URL di destinazione

e soprattutto decidere per quale parola chiave inserita nel motore di ricerca far comparire i tuoi annunci.
Una volta collegato il tuo account Merchant con il rispettivo account Google Ads, sei pronto a partire per il setup.

Scegli il tipo di campagna:esempio-almaverde-5


Seleziona l’account Merchant e scegli la località target dei tuoi annunci:esempio-almaverde-6

 

b. Campagne di ricerca

Non devi per forza fare affidamento ad una campagna shopping per il tuo ecommerce food, puoi anche contare su una campagna di ricerca. 

esempio-almaverde-7 

Vale la pena ricordare comunque che le campagne shopping sono molto efficaci, perché propongono immediatamente l’immagine del prodotto con la relativa descrizione e il prezzo. Dovresti provare ad utilizzarle per prime, anche perché convertono molto bene da mobile.

Se, dopo averle provate, il tuo tasso di conversione è basso e il tuo ROAS (Return On Advertising Spend) non decolla, vale la pena di provare una campagna di ricerca.

La chiave del successo, con una campagna di ricerca, è di settare il tutto affinché il tuo annuncio sia pubblicato da una keyword ad alto tasso di conversione.

Puoi trovare queste keyword usando lo Strumento di pianificazione delle parole chiave.
In linea generale le tue parole chiave dovranno essere più specifiche possibile, ma tieni a mente che possono essere declinate anche per un certo range di prodotti - ad esempio “condimenti biologici” o “legumi in scatola”.

Suggerimento: aggiungi la parola “compra” o “comprare” prima delle tue parole chiave, potresti avere delle sorprese interessanti a livello di CTR!

È arrivato il momento di costruire la tua campagna di ricerca.

Seleziona l’obiettivo e il tipo di campagna:

esempio-almaverde-7

Seleziona adesso l’obiettivo e inserisci l’URL del tuo sito:

esempio-almaverde-8

Il budget ottimale iniziale da impostare dovrebbe essere il risultato del piano impostato tramite lo Strumento di pianificazione. Se non sei ancora sicuro, puoi inserire 0,01€ e andare avanti.

esempio-almaverde-9

E adesso la strategia di offerta:

esempio-almaverde-10

Ci sono un sacco di opzioni interessanti qui, ma in questo momento ti consiglio di usare la strategia di massimizzazione dei clic, per cominciare a mettere in moto la macchina del traffico sul tuo ecommerce.

Non dimenticare di usare le estensioni, tutte quelle disponibili per dare maggiore visibilità e risalto alle tue inserzioni e per aumentare di molto il tuo CTR. Se non lo fai, sarà Google stesso a ricordarti che buona parte del punteggio di qualità complessivo del tuo account dipende proprio da questo.

esempio-almaverde-11Source: Wordstream

esempio-almaverde-13

c. Campagne di remarketing

Sai che più del 90% degli utenti che visitano il tuo sito escono senza convertire alla prima visita e che abbandonano i carrelli oltre il 70% delle volte?

Anche se spesso possono risultare invasivi ed eccessivi, i banner di remarketing che vedi durante la tua navigazione sono un’innovativa soluzione tecnologica partorita in casa Google. E nel dettaglio, la campagna di remarketing dinamica è diventata l’arma più potente dell’arsenale offensivo di ogni ecommerce.

Il remarketing dinamico funziona seguendo la classica filosofia del “prodotto giusto alla persona giusta nel momento giusto”. Vediamo quindi come creare una campagna in pochi step.

Se non lo hai ancora fatto, è sicuramente il momento di installare il Global Site Tag su tutte le pagine del tuo sito e di collegare ad esso l’origine dei dati, andando in Strumenti > Gestione Segmenti di Pubblico:

esempio-almaverde-14


Sebbene si possa impostare il pixel di Analytics per il medesimo scopo, ti consiglio di procedere con il Tag Google Ads.
Sarà inoltre necessario personalizzare il Global Site Tag per monitorare valore di conversione specifici per ogni transazione: trovi la guida ufficiale a questo link. Una volta installato il codice potrai creare specifiche liste di remarketing, come ad esempio “tutti i visitatori” o tutti i visitatori di pagine specifiche.

Molti di questi verranno creati automaticamente dalla piattaforma:

esempio-almaverde-15


Il processo di creazione annunci è semplice ed intuitivo:

esempio-almaverde-16

esempio-almaverde-17

Procurati il logo della tua azienda e delle immagini accattivanti, il resto lo farà la piattaforma in automatico.

Conclusioni

Le campagne pubblicitarie Google sono uno strumento potente, quando riesci a padroneggiarle. In questo articolo abbiamo esplorato come puoi usare la piattaforma per generare vendite dal tuo ecommerce di prodotti alimentari.
Se ti senti un po’ confuso da tante opzioni e tante informazioni, forse è il caso di rileggere tutto e procedere a piccoli passi, cominciando da un’opzione prima di passare alla successiva.

Rispetto a delle strategie di lungo termine come il SEO, puoi vedere il risultato del tuo effort con Google Ads giorno dopo giorno, continuando a monitorare e ad ottimizzare.

 

 

Topics: ecommerce, google ads, social